Botti di Capodanno: come evitare il panico del vostro cane

Capodanno è un momento di festa per gli umani, ma per i nostri cani è uno dei giorni più brutti dell’anno.

Desideriamo fornirvi qualche consiglio per gestire al meglio la serata più difficile dell’anno da affrontare con i nostri cani, non per  tutti ma per moltissimi i disagi creati dai botti e dai fuochi d’artificio sono davvero importanti

Ci rivolgiamo a tutti i proprietari, ma in particolare a quei proprietari che ancora non conoscono le reazioni del proprio cane, perché magari adottato recentemente, sia esso un cucciolo o un cane adulto

Consigli in pillole in modo che siano il più chiari possibile :

– cercate di anticipare l’orario dell’ultima uscita serale, in modo che il rischio di essere all’aperto nel momento in cui ci saranno più botti sia ridotto

– se sapete che il vostro cane ha paura, cercate di organizzarvi la serata a casa con lui ,non lasciandolo solo, d’altro canto è un membro della famiglia in grave difficoltà, lo foste voi per qualsiasi motivazione  non vorreste certo essere lasciati soli

– chiudete  finestre, serrande, tapparelle in modo da rendere la vostra abitazione il più  possibile insonorizzata ai botti

– è possibile provare a mettere una musica in sottofondo, i cani sentiranno ugualmente i petardi, ma forse riuscirà a schermare i rumori più lontani

– non lasciate i cani in giardino, spesso i cani per la paura hanno reazioni incontrollate e potrebbero cercare di fuggire o farsi male tentando la fuga

In situazione di panico possono compiere azioni che nel quotidiano non ci aspettiamo, compreso il tentare di arrampicarsi su una rete ,scavare buche per passarci sotto ,SONO IMPREVEDIBILI….NO CANI IN GIARDINO!!!

-se il vostro cane ha paura siate una figura di conforto e rassicurante, obsoleta e scorretta è la pratica di ignorare il cane per evitare di rinforzare un comportamento indesiderato….che poi pensiamo che al cane piaccia provare  terrore e paura ??

La paura è uno stato emotivo, se noi umani abbiamo paura di qualcosa cerchiamo conforto in qualcuno….per i cani vale la stessa cosa, cerchiamo di essere presenti, calmi e accoglienti nei suoi confronti

Per fare questo dobbiamo cercare di esserlo noi in primis, non arrabbiamoci se lo vediamo grattare le porte, salire su un letto, nascondersi nei luoghi più strani ….sta cercando una strategia per superare la sua difficoltà

– consigliamo di NON DARE FARMACI ai cani, se non sotto stretto consiglio di un veterinario comportamentalista

-se il cane scegliesse di  rifugiarsi in un  luogo che per noi è poco consono lasciamolo tranquillo nel posto che ha scelto

Spesso scelgono di andare in bagno, nella vasca, nella doccia ….il bagno è la stanza più insonorizzata della casa grazie alle tubature dell’acqua, monitoriamo ma senza essere invadenti

Ti è piaciuto questo articolo?

Condividilo sui Social

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email

SOS Cani dispersi

Puoi contattare celermente un nucleo operativo nelle nostre aree coperte dal servizio:

Lombardia

Provincia di Bergamo

Susanna Austoni

Piemonte

Provincia di Torino e Biella

Laura Selvi

Lazio

Provincia di Roma e Rieti

Annarita Peperoni

Toscana

Provincia di Firenze

Ginevra Bianchini Mortani

Emilia Romagna

Provincia Bologna e Modena

Francesca Conte

Leggi anche:

L’olfatto del cane

L’olfatto nel cane è come tutti sappiamo il senso principale, fondamentale per andare a caccia, per orientarsi, per raccogliere le informazioni ambientali e sociali. Sono

Read More »

SOS Smarrimenti

Lombardia

Provincia di Bergamo

Susanna Austoni

Piemonte

Provincia di Torino e Biella

Laura Selvi

Lazio

Provincia di Roma e Rieti

Annarita Peperoni

Toscana

Provincia di Firenze

Ginevra Bianchini Mortani

Emilia Romagna

Provincia Bologna e Modena

Francesca Conte

Accedi

Vuoi entrare a far parte di Progetto Nash?

Se sei un centro cinofilo, un’associazione di volontariato o un “cinofilo” interessato a creare un gruppo di Progetto Nash nel tuo territorio, contattaci e saremo lieti di darti tutte le informazioni sull’iter formativo per i nuovi gruppi

Se vuoi semplicemente essere parte attiva di Progetto Nash, puoi contattare il referente del più vicino a te:
se vivi con uno o più cani puoi iniziare la formazione come binomio, altrimenti puoi sempre formarti ed essere di ausilio ai binomi e ai gruppi. Sono molteplici le figure che possono aiutarci. L’ammissione alla formazione è sempre preceduta da valutazione da parte dei referenti

Se sei appassionato di droni, possiedi un drone e l’abilitazione per volare, contattaci!